Travel Manager

OBIETTIVI

Il corso propone la formazione di uno specialista “verticale” in grado di agire sulla totalità dei processi di filiera legati al settore della gestione delle trasferte aziendali nella loro totalità (Company Mobility).

Far viaggiare dipendenti e colleghi in modo comodo, intelligente ma soprattutto “moderno” ed efficiente è uno dei presupposti fondamentali che sottendono alla figura del Travel Manager, direttamente coinvolto nelle logiche di presidio delle aree di ottimizzazione e saving, così come della gestione diretta dei fornitori primari dell’azienda.

L’evoluzione del ruolo in Mobility Manager amplia (dai soli costi diretti) l’area di influenza operativa e gestionale, a tutte le aree che costituiscono l’ambito operativo della trasferte, ivi inclusa l’area di gestione ed automazione delle note spese aziendali.
Non essendoci percorsi scolastici / accademici specifici per tali ruoli, il corso si rivolge tanto a persone che già lavorano in azienda, con particolare riferimento ad aree tendenzialmente coinvolte nel processo di gestione del travel, quali, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, Procurement, Servizi Generali, Risorse Umane, ecc. quanto a persone che hanno ultimato il loro cursus studiorum e si affacciano al mondo del lavoro.
Il ruolo di mobility manager è sempre più importante in una moderna gestione aziendale, e prevede competenze specifiche di settore da applicare in modo orizzontale alla quasi totalità dell’azienda.

Punti toccati e sviluppati nel corso, riguardano sia un’overview “storica” del settore, che porterà i partecipanti a comprendere il livello di sofisticazione degli evoluti modelli di business posti in essere dalla filiera della fornitura, sia delle logiche gestionali di tipo “plug-&-play” testabili da subito nella quotidianità lavorativa.

CONTENUTI

Le principali aree, che saranno analizzate sia lato utente (azienda ed end-user viaggiatori) sia lato fornitori (con un taglio fortemente gestionale) saranno le seguenti:

  • Le agenzie di Business Travel – specializzazione e servizi “verticali”
  • I consolidatori – il beneficio del “modello broker”
  • La filiera della fornitura dei servizi – i fornitori primari
  • Da Travel Manager a Mobility Manager- dignità di ruolo e presidio economico-operativo di una delle principali voci di bilancio
  • Tecnologia e strumenti a supporto – da strumenti “stand alone” a tecnologia e2e
  • Data Management – dal reporting all’utilizzo dei big data
  • Ottimizzazioni e saving attesi – cogliere ed anticipare le opportunità di risparmio ed ottimizzazione connesse alla dinamicità del mercato di riferimento
  • Effort e costi di investimento per le aziende
  • Dal presidio dello spending al total travel cost (TTC), fino al monitoraggio di logiche di ritorno sull’investimento (ROI)
  • Change management, a supporto delle azioni intraprese in azienda

DURATA E STRUTTURA